Aliante Money
le news dell'esperto
Catanzaro, illeciti per concorso infermieri

Catanzaro, illeciti per concorso infermieri

26/07/2018

Catanzaro, illeciti per concorso infermieri

Il concorso per infermieri e operatori socio-sanitari bandito dall’azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro è stato sospeso. Sono state rilevate, in seguito a notizie circolate sulla stampa locale, alcune criticità sul test dalla direzione della stessa azienda ospedaliera: in seguito agli accertamenti le domande del test erano già circolate prima dell’esame sull’app di messaggistica istantanea Whatsapp e le irregolarità sono finite al vaglio della Procura. Il concorso non è stato annullato bensì sospeso per un arco temporale che servirà ad effettuare ulteriori approfondimenti sulla questione: le domande infatti erano già note nel giorno anteriore alla preselezione. Anche Guardia di Finanza e Codacons si sono interessate alla vicenda, con l’Associazione per i diritti dei consumatori che presentato un esposto alla Procura.
 



Il ricorso di ottanta infermieri

Ottanta infermieri che lavorano in Sicilia avevano già chiesto la sospensione del concorso presentando un ricorso respinto dal Tar e successivamente rivolgendosi al Consiglio di Stato. Il ricorso verteva sul mancato rispetto, secondo gli infermieri, del protocollo d’intesa del commissario per la sanità, che prevede il blocco dei concorsi e lo scorrimento delle graduatorie, anche quelle delle regioni limitrofe.

La lettera di Concetta Genovese, presidente dell’OPI Catanzaro

Concetta Genovese, presidente dell’OPI (Ordine Professioni Infermieristiche) Catanzaro, ha scritto una lettera di denuncia, pubblicata a mezzo stampa: “Dignità. Rispetto. Sono parole – afferma nella lettera - che oggi sentiamo di dover richiamare con forza. Ci riferiamo al triste epilogo della vicenda relativa al concorso per infermieri e operatori socio-sanitari bandito dall’azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro, le cui criticità, già finite al vaglio della Procura, hanno anche determinato la sospensione delle procedure concorsuali da parte della stessa direzione aziendale. La dignità è quella che rivendichiamo come Ordine professionale degli infermieri, per una categoria che comunque rappresenta un fulcro fondamentale del Sistema Sanitario Nazionale. Il rispetto è altrettanto basilare e si deve concretizzare non solo a parole ma concretamente, anche quando si organizza una selezione così importante e attesa come quella che si è tenuta nei giorni scorsi. In simili circostanze, vanno garantite condizioni normali di partecipazione. Pertanto, si può e si deve fare meglio. E' un obbligo. Lo pretendiamo come Opi, cui spetta il compito e la responsabilità di intraprendere tutte le iniziative utili a difesa della professione infermieristica. Non esiste l'infermiere se non si tutela la sua dignità e la sua professionalità”.

Aliante Money è dalla parte degli infermieri

Superando il concorso, le possibilità di miglioramento della qualità della vita per gli infermieri crescono. Grazie alla stabilizzazione dei contratti di lavoro i lavoratori dipendenti possono migliorare il proprio stile di vita e aumentare i consumi. Aliante Money è sempre dalla parte dei lavoratori dipendenti. Un infermiere che ha bisogno di un prestito può confrontare le migliori offerte di prestiti delle banche e finanziarie con cessione del quinto subito e in tempo reale. Grazie al confronto online i lavoratori in cerca di liquidità possono risparmiare cifre consistenti e guadagnare tempo e denaro. Inserendo i propri dati anagrafici, reddituali, i contatti personali e l’importo richiesto è possibile confrontare i migliori preventivi personalizzati e su misura. Se il consumatore non è soddisfatto della rata ottenuta può anche decidere di modificare l’importo della rata e ottenere un nuovo preventivo.
 

iscriviti alla newsletter
iscriviti alla newsletter
iscriviti alla newsletter