Aliante Money
osservatorio sui prestiti
La situazione dei redditi in Italia, consumi ancora in crescita

La situazione dei redditi in Italia, consumi ancora in crescita

05/Settembre/18

Redditi degli italiani, i dati. Lontani i livelli pre-crisi, consumi ancora in crescita

Come riporta Il Sole 24 Ore, il reddito degli italiani è ancora lontano dai livelli pre-crisi, sebbene sia stato ed è tuttora in crescita. In alcune aree italiane, nell’ultimo anno i contribuenti hanno percepito in percentuale molto di meno rispetto al 2009, anno di dichiarazione dei redditi per il 2008. Su 109 capoluoghi di provincia, ben 91 hanno il segno meno ed Isernia è il capoluogo di provincia che registra la caduta più rovinosa, con un -9,39%. È il Sud a registrare i numeri più pesanti: Crotone viaggia a un -7,97%, mentre Agrigento al -7,09%.  Anche Roma e Milano registrano numeri in negativo, mentre Trieste (+2,15%), Belluno (+2,06%), Torino (+1,24%) e Verona (+1,1%) sono le province che registrano numeri positivi, assieme a L’Aquila (+5,64%), ma il dato è falsato dal terremoto che ha piegato la città tra 2008 e 2009.
 






Consumi, il segno più resta costante

Restano invece in crescita i consumi di privati e famiglie, come riportato dal Bollettino degli economisti di Banca d’Italia. La propensione al risparmio delle famiglie italiane è all’8,5% mentre il numero dei disoccupati è in discesa, con una previsione del 10,4 nel 2020, con partenza dell’11,2%. Nel comparto dei prestiti e dei finanziamenti, i prestiti alle famiglie migliorano nella qualità del credito e sono in crescita le richieste di prodotti come la cessione del quinto (clicca qui per scoprire i vantaggi del prodotto finanziario), i mutui e il credito al consumo. In questo contesto, con i consumi in costante crescita e una platea di consumatori sempre più abituata a comparare online i prezzi di beni e servizi, Aliante Money ha sviluppato il comparatore online di cessione del quinto, per permettere ai lavoratori dipendenti e ai pensionati il confronto di prestiti a tassi bassi e condizioni agevolate. Come riportano anche i tassi trimestrali di Banca d’Italia, richiedere un prestito con cessione del quinto è oggi molto più economico rispetto ad altre tipologie di finanziamenti come il prestito personale, le carte di credito, il credito revolving e i prestiti finalizzati per l’acquisto di beni e servizi. Sul comparatore online di cessione del quinto è possibile risparmiare tempo, perché i tempi di erogazione del credito sono veloci e anche denaro, come evidenziato dai tassi. Inoltre il prestito è lontano da truffe, poiché i dati del consumatore sono trattati nel rispetto della privacy e non saranno trasmessi a terzi. Il confronto prestiti online permette una vasta scelta di offerte di banche e finanziarie convenzionate e, confrontando i tassi si risparmia.

Redditi: lontani i livelli pre-crisi, ma migliorano i dati rispetto agli ultimi anni

Tornando a parlare dei redditi degli italiani, sono ancora lontani i dati del periodo pre-crisi: gli importi totali dichiarati sono per circa il 2% più bassi. Nel complesso il reddito medio degli italiani è in miglioramento e c’è speranza per quanto riguarda l’incremento della stabilità lavorativa grazie alle manovre del Decreto Dignità, che dovrebbe portare un incremento di posti di lavoro (questa è la speranza del governo, che conta di creare 62.000 posti di lavoro in più per i giovani) nel mercato del lavoro italiano. Lo stesso Ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha affermato in un’intervista a “Il Fatto Quotidiano” che “reddito di cittadinanza e flat tax, oltre al superamento della Legge Fornero saranno attuate velocemente”.
 

iscriviti alla newsletter
iscriviti alla newsletter
iscriviti alla newsletter