Aliante Money
osservatorio sui prestiti
Prestiti alle famiglie: settore in crescita. Le ultime dal Decreto Dignita'

Prestiti alle famiglie: settore in crescita. Le ultime dal Decreto Dignita'

17/Luglio/18

Prestiti, comparto in crescita. I dati in Campania e in Italia

In crescita il settore dei prestiti in Campania. Come scrive Il Mattino, i consumatori campani s’indebitano in particolar modo per i beni non strettamente necessari come i viaggi o la palestra ma anche per beni più importanti come l’auto, i mobili e la moto, o anche elettrodomestici e telefonia. I dati riportati dal Barometro Crif parlano chiaro anche sui mutui: nonostante i tassi bassi dell’ultimo periodo la richiesta di mutui è scesa di un -4,4%, mentre sono in crescita i prestiti personali di un importante 7,6%. Bene anche i prestiti alle famiglie (di cui fa parte la cessione del quinto): in Italia la crescita è stata del +2,6%. “In questi mesi – ha commentato Simone Capecchi, executive director di Crif - il comparto del credito al consumo ha ripreso energia confermando le performance positive già rilevate negli anni precedenti, con la crescita del numero di richieste che si accompagna ad importi medi da record, superiori anche ai valori che si registravano prima della crisi. Inoltre gli operatori del credito sono sempre più attenti a contenere il rischio di sovraindebitamento”.
 






Prestiti finalizzati e personali in Campania

I prestiti finalizzati sono in crescita di un 4,4% con un importo medio richiesto di 4.826 euro, mentre per quanto riguarda le province, Benevento è quella maggiormente indebitata (in media 6.451 euro), i consumi di Salerno sono in forte crescita (5,7% in più e 5.378 euro di
importo medio), mentre Avellino, Caserta e Napoli (+ 4,2% e 4.437 euro) sono più giù. Per quanto riguarda i
prestiti personali Benevento e Caserta registrano le crescite maggiori, con Napoli terza, Avellino quarta e Salerno ultima. Mutui e surroghe sono in crescita solo nella provincia di Avellino, mentre scendono nelle altre province.

Decreto Dignità, al via l’iter parlamentare. Il credito al consumo potrebbe giovarne

La situazione dei consumi potrebbe migliorare ulteriormente. Stamattina il governo pentastellato ha dato il via all’iter parlamentare di approvazione del Decreto Dignità proposto dagli stessi Cinque Stelle e promosso ieri sera dal Ministro del Lavoro Luigi Di Maio, ospite di Bersaglio Mobile su La 7 condotto da Enrico Mentana. Durante il confronto con il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, Di Maio ha affermato: “Inseriremo degli incentivi per stabilizzare i contratti a tempo indeterminato”. L’obiettivo del governo è quello di stabilizzare molti lavoratori precari creando maggiore stabilità economica: la manovra potrebbe dunque portare a un ulteriore aumento in particolare dei prestiti alle famiglie e delle cessioni del quinto, prodotto sempre più in crescita nel panorama del credito al consumo.

Perché richiedere un prestito con cessione del quinto online è la migliore soluzione per un lavoratore dipendente?

Grazie al possibile aumento dei contratti a tempo indeterminato, i lavoratori dipendenti, con una maggiore stabilità economica avranno più possibilità di spendere e rateizzare eventuali acquisti più esosi. Con la cessione del quinto, il finanziamento più sicuro per i lavoratori con contratto tempo indeterminato, i lavoratori in cerca di liquidità per i loro progetti di vita possono stare tranquilli. Rispetto al prestito personale la cessione del quinto presenta numerosi vantaggi:

  • È più economica nei piani d’ammortamento che variano dai 60 ai 120 mesi.
  • Ha l’obbligo di stipula di una polizza assicurativa che copre il consumatore contro il rischio vita e il rischio impiego.
  • Permette di raggiungere cifre anche molto elevate.
  • Grazie alla cessione del quinto online si può risparmiare sui costi.

Sul comparatore online di cessioni del quinto di Aliante Money è possibile confrontare subito e in tempo reale i migliori preventivi di cessioni del quinto e delegazioni di pagamento.
 

iscriviti alla newsletter
iscriviti alla newsletter
iscriviti alla newsletter